L’Olivo, una linea… di famiglia

L' olivo novità l'erbolario caratteristiche, dove trovarla a Roma

 

 

Finalmente all’Albero Sacro la novità de L’ erbolario : L’olivo una linea pensata appositamente per la famiglia.  il Bagnoschiuma Addolcente, lo Shampoo Delicato e la Crema Corpo Nutriente, tre prodotti adatti a tutti e arrichiti dalla presenza dell’olio e dell’estratto di Oliva,  frutto prezioso già nell’antichità per le sue proprietà emollienti . Ma vediamo insieme le virtù dell’olivo:

Cenni botanici

 

Nome: Olivo

Nome Latino: Olea europaea L.

Piccolo albero sempreverde con tronco contorto e rami nodosi. Le foglie, coriacee, sono lanceolate-acute di colore grigio-verde. I fiori sono biancastri e riuniti in racemi ascellari. Il frutto, a tutti noto come oliva, è una drupa carnosa quasi nerastra a maturazione.

Habitat:

Originario dell'Asia minore, l'Olivo è coltivato fin dall'antichità in tutta l'area mediterranea 

Parti Utilizzate:

Foglie e frutti (drupe).

Componenti Principali dell’Olio d’oliva:

L'olio ottenuto per spremitura delle drupe è ricco in acidi grassi polinsaturi tra cui acido oleico (75-80%), linoleico (4-7%), palmitoleico (0,5-1%), palmitico (7-11%), stearico (1,5-3,5%), arachidico e miristico. È inoltre presente una frazione insaponificabile (0,6-1,5%) costituita per la maggior parte da squalene (oltre 80%) oltre a idrocarburi, alcoli triterpenici e alifatici, steroli (beta-sitosterolo, stigmasterolo, campesterolo) tocoferoli e carotenoidi. Le foglie dell'Olivo contengono principalmente glicosidi iridoidi (oleuropeina, oleoside) e flavonoidi.

Impiego cosmetico dell'olio di oliva

Pur possedendo caratteristiche del tutto simili a quelle di altri oli vegetali di larga diffusione nella produzione cosmetica, l'olio d'Oliva è una materia prima molto poco usata. Molto interessante dal punto di vista cosmetico risulta invece la sua frazione insaponificabile, eccezionalmente ricca di squalene (uno dei principali componenti del sebo cutaneo). Per la sua peculiare affinità con la composizione del sebo fisiologicamente presente sulla superficie dello strato corneo, l'insaponificabile dell'olio d'Oliva possiede una notevole funzione emolliente e seborestitutiva; è inoltre dimostrato che svolge importanti azioni a livello del trofismo cutaneo stimolando i processi riparativi di epidermide e derma. La frazione insaponificabile dell'olio d'Oliva viene pertanto diffusamente utilizzata per il trattamento di pelli secche e disidratate e in cosmetici per la prevenzione di rughe e smagliature. All'insaponificabile dell'olio d'Oliva è inoltre riconosciuta un'attività fotoprotettiva , che la rende indicata anche nella preparazione di prodotti (creme, oleoliti, lozioni) destinati alla protezione della cute dalle radiazioni solari. Per la sua capacità di ridurre l'impatto sgrassante dei detergenti sulla pelle, viene infine impiegata come ingrediente di saponi ed altri prodotti per la pulizia. Partendo dall'olio d'Oliva, si possono poi ottenere alcuni derivati di interessante impiego cosmetico. Tra questi troviamo le cere, dotate di spiccate proprietà emollienti e protettive, e degli esteri particolari la cui catena idrocarburica, corta e lineare, riesce facilmente a penetrare attraverso lo strato corneo consentendo un'efficace azione ristrutturante della barriera epidermica. Infine, dall'unione degli acidi grassi dell'olio d'Oliva con proteine del grano, si ricavano dei tensioattivi caratterizzati da buone caratteristiche detergenti e schiumogene unite ad un basso potere irritante e ad un'elevata compatibilità cutanea.

 

Impiego cosmetico delle foglie

 

Gli estratti di foglie di Olivo possiedono spiccate proprietà antiradicaliche, principalmente dovute all'elevata concentrazione di glucosidi iridoidi del fitocomplesso (tra cui l'oleuropeina) e dimostrate da una vasta letteratura scientifica. Grazie alla loro marcata attività antiossidante, gli estratti di foglie di Olivo rappresentano degli ingredienti funzionali ideali nella formulazione di cosmetici per la protezione della pelle dall'aggressione dei radicali liberi prodotti da particolari esposizioni ambientali (agenti inquinanti, fumo, radiazioni ultraviolette, ecc.) e principalmente responsabili del processo di invecchiamento di organi e tessuti.

L’Oro del Mediterraneo : L’olio d’oliva nella storia

Il primo nodo storico da cui si dipana la trama di un racconto di bellezza a base dell’olio di oliva che attraversa i secoli e le geografie, per arrivare intatto fino ai giorni nostri è il IV e III a.C. Già allora Creta, la Palestina, la Siria, la Mesopotamia sono specializzate, come testimonia una ricca varietà di reperti archeologici, nella cosmesi mediante la produzione, la lavorazione e il commercio di aromi, unguenti e oli profumati a base di olio d'oliva, utilizzato spesso  come fissatore delle forti essenze aromatiche utilizzate tradizionalmente da queste civiltà.

L’impiego dell’olio di oliva per fini cosmetici proviene direttamente dall’universo di valori e credenze che è il seme della sensibilità mediterranea. Fra i primi a scoprirne e valorizzarne le potenzialità emollienti ed idratanti, anche gli Egizi, che già nel papiro di Ebers, menzionavano dettagliatamente ingredienti e procedure di preparazione per una crema antirughe a base di olio di oliva a cui erano poi secondariamente aggiunti: bacche di cipresso, latte, grani di incenso e cera. I greci poi legati fortemente alla coltura dell’olivo, pianta simbolo della loro terra, si avvalevano del prezioso nettare dorato per cospargere il corpo degli atleti, in modo da potenziarne ed esaltarne la perfezione estetica; ma anche per prepararli, attraverso il massaggio termico, all’attività sportiva. L’uso dell’olio era talmente radicato nella cultura e nell’immaginario greco da trasparire negli scritti omerici, ripetutamente. Nausicaa infatti è invitata dalla regina ad ungersi con olio dopo il bagno con le ancelle; lo stesso Ulisse riconosciuto dalla nutrice sarà accolto da questa con il rituale del lavaggio e dell’unzione del corpo con olio di oliva; nei riti funebri dedicati a Patroclo il momento dell’unzione è una tessera chiave del pathos narrativo creato. In Grecia l’arte degli unguenti infatti, si afferma con forza trovando dei centri di grande vitalità a Cipros, Delos e Corinto; luoghi nasce la cosmetica classica. L’uso diffusissimo degli unguenti a base di olio di oliva è la matrice di una fiorente produzione di strumenti e artefatti pensati per la conservazione e l’uso degli stessi. Ampolle, contenitori in alabastro o vetro soffiato diventano presto simboli di uno status vero e proprio, monili da portare appesi al polso con preziose catenelle. La cultura del massaggio a base di olio di oliva risulta particolarmente apprezzata anche dai romani che riconoscevano all’olio un ruolo di grande centralità nella cura della pelle, chiamando i trattamenti a base di olio di oliva “bagni di bellezza”. Non solo emolliente e idratante ma anche lenitivo per gli stati di irritazione della pelle, per quelli di secchezza cutanea e desquamazione ed infine per le ustioni, senza dimenticare che per moltissimo tempo, quando ancora non esistevano i punti di sutura, l’olio di oliva assolveva una funzione cicatrizzante anche per le ferite da taglio. L’uso cosmetico di questo prodotto conoscerà una fase di arresto durante l’epoca medioevale quando l’imperante cultura cattolica cristiana condannerà apertamente ogni azione legata alla cura del corpo. Sarà il Rinascimento con l’amore per i profumi e le pratiche di cura e bellezza a portare ad una progressiva riscoperta dell’olio d’oliva nelle prassi cosmetiche. Anche se il vero e proprio ritorno in auge dell’olio d’oliva nell’impero della bellezza si registra nel ‘600; dove spesso nei Secreta, volumetti tascabili contenenti ricette e rimedi di bellezza, esso è associato ad altri prodotti per la cura e la bellezza della pelle. Un tragitto lungo e interessante quello del prezioso oro del mediterraneo, che sembra affiancare da secoli la storia dell’uomo, intrecciandosi alla sua visione di bellezza e benessere.

Bagnoschiuma Addolcente

Con olio di Oliva biologico ed estratto di Olive biologiche recuperate da frantoio e rivalorizzate

Idratazione, nutrimento, morbidezza, delicatezza: ecco ciò che desidera la pelle! L’Erbolario ha dunque formulato questo ricco Bagnoschiuma che, grazie alle virtù emollienti dell’Olivo – qui sottoforma di olio biologico, acqua distillata di foglie di Olivo biologico ed estratto di Olive biologiche, recuperate durante la lavorazione dell’olio in frantoio – deterge dolcemente l’epidermide di tutta la famiglia* e assicura una sensazione di spensierato benessere.

Crema Nutriente Corpo

Con olio di Oliva biologico ed estratto di Olive biologiche recuperate da frantoio e rivalorizzate

Per idratare e al contempo avvolgere il corpo e lo spirito in una carezza benefica e delicatamente profumata, ecco una Crema dalla straordinaria capacità emolliente, per la quale l’Olivo e il suo olio sono conosciuti sin dall’antichità. Nutriente e restitutiva, questa emulsione contribuisce a mantenere l’elasticità cutanea e a rendere la pelle morbida e setosa. Delicata e gentile anche con le pelli più sensibili, si rivela ideale per tutta la famiglia.

Shampoo Delicato

Con olio di Oliva biologico ed estratto di Olive biologiche recuperate da frantoio e rivalorizzate

Uno Shampoo formulato per la bellezza dei capelli di tutta la famiglia e impreziosito dal pregiato Olivo. Tre sono le forme in cui esso si svela: olio di Oliva biologico, estratto di Olive biologiche recuperate e rivalorizzate durante la lavorazione dell’olio in un frantoio dell’entroterra marchigiano, e acqua distillata di foglie di Olivo biologico; e tre sono poi le azioni che questo Shampoo svolge sui capelli: li deterge, li idrata e li nutre senza mai appesantirli.

Con l’acquisto di due prodotti della linea L’olivo avrai in omaggio una simpatica shopper in tessuto.

Ti aspettiamo a L’Albero Sacro, in viale Sacco e Vanzetti 68, aperto con orario continuato dal lunedì al sabato, tel 064064998