Scegli il Solare adatto a te

abbronzatura e solari sicurezza e bellezza per la tua pelle i solari Nature's una scelta naturale

 

Come ogni anno, L’albero Sacro, ti accompagna attraverso importanti consigli su come abbronzarti in sicurezza, mantenendo la tua pelle bella e sana.

 L’esposizione alla radiazione UV è l’unica causa nota di tumori cutanei che può essere modificata attraverso l’applicazione di norme corrette: l’adozione di misure in grado di proteggere la pelle da un’eccessiva esposizione al sole o altre fonti di UV è la strategia più efficace per ridurre il rischio di melanoma.

La maggiore difficoltà da superare è la convinzione, radicata nella cultura di almeno quattro generazioni, che l’abbronzatura è sempre “sana e bella” e l’esposizione al sole sempre salutare.

I cardini della prevenzione primaria dei tumori cutanei sono quindi:

– evitare esposizioni al sole prolungate e non protette;

– utilizzare sempre e correttamente filtri solari, soprattutto le persone giovani e i soggetti con fototipo chiaro più a rischio per il melanoma;

– evitare l’uso di lampade solari e lettini abbronzanti.

I benefici delle creme solari

 

La protezione della pelle tramite l’uso di creme solari è uno dei più comuni metodi per la prevenzione dei tumori cutanei.

L’ Unione Europea definisce prodotti solari “qualsiasi preparato (crema, olio, gel, spray) destinato a essere posto in contatto con la pelle umana, al fine esclusivo o principale di proteggerla dai raggi UV assorbendoli, disperdendoli o mediante rifrazione.

Filtro chimico o filtro fisico

I filtri solari possono essere di due tipi: filtri chimici e schermi fisici:

i filtri chimici sono sostanze chimiche che hanno la proprietà di catturare l’energia dei raggi UV restituendola sotto forma di altra energia come il calore;

gli schermi fisici sono preparazioni inorganiche formulate con derivati di metalli (ossido di zinco e biossido di titanio) che hanno proprietà riflettenti i raggi UV: i raggi UV non sono assorbiti ma vengono riflessi sulla superficie cutanea.

 

come Proteggersi:

Il fattore di protezione solare

 

Il fattore di protezione solare (Sun Protection Factor o SPF) misura la capacità protettiva della crema verso i raggi UVB. L’indice SPF non fa invece riferimento ai raggi UVA, che comunque costituiscono un fattore di rischio per i tumori cutanei e per l’invecchiamento della pelle.

È un coefficiente che indica quanto può essere aumentato il tempo di esposizione al sole senza scottarsi quando si usa la crema. Per esempio, un filtro con indice SPF 10, su una pelle che resiste al sole per 10-15 minuti, offre una protezione prolungata a 100-150 minuti. Più alto è il fattore di protezione solare, maggiore è la percentuale di raggi solari filtrata dal prodotto.

Nell’Unione Europea non è ammessa la dicitura filtri a “schermo totale” o “protezione totale”, perché non è possibile una protezione del 100% dai raggi UV.

 

Come utilizzare le creme solari

 

La scelta del prodotto solare deve essere basata su diversi fattori, fra cui l’età, il tipo di pelle, la durata e l’orario dell’esposizione, la località (altitudine, latitudine, caratteristiche climatiche e ambientali).

L’uso di creme solari può ridurre il rischio di scottature (associate a un aumentato rischio di melanoma) ed eritemi, ma è necessario ricordare che:

– le creme solari proteggono la pelle per limitati periodi di esposizione e le applicazioni devono essere abbondanti e ripetute periodicamente (almeno ogni 2 ore);

– l’applicazione della crema non deve essere considerata come un “passaporto” per un’esposizione prolungata ai raggi solari: infatti, l’uso di creme protettive potrebbe aumentare la durata di esposizione e di conseguenza anche il potenziale rischio di melanoma. Il loro utilizzo deve quindi essere associato a tempi di esposizione ridotti;

– la crema solare non dovrebbe essere la principale o esclusiva modalità di protezione, ma dovrebbe essere utilizzata in concomitanza con altre misure di protezione, come ad esempio evitare l’esposizione solare delle ore centrali della giornata, cercare di stare all’ombra ed indossare indumenti protettivi.

 

Qualora non si possa evitare l’esposizione prolungata alla luce solare, l’utilizzo di creme con filtro solare e altro metodo di fotoprotezione deve essere sempre associato a tempi di esposizione ridotti.

che non si abbronzano o che si scottano facilmente dopo esposizione al sole.

.

Luoghi comuni. è vero che…?

Il sole è importante per evitare rachitismo nei bambini?

 

È vero, ma per fissare la vitamina D sono sufficienti pochi minuti al giorno di esposizione. Al contrario è dimostrato che troppo sole nell’infanzia e nell’adolescenza aumenta il rischio di sviluppare un melanoma in età adulta.

L’abbronzatura rende più sani?

 

È falso, soprattutto, se non si seguono le regole di una corretta esposizione. Si rischia, infatti, di abbassare momentaneamente le proprie difese immunitarie e di creare danni permanenti alle nostre cellule.

Negli ultimi anni il sole è malato?

 

È falso, è il nostro comportamento sbagliato che aumenta il rischio degli effetti indesiderati del sole. Inoltre, recentemente è stato identificato che nelle aree ad alto inquinamento ambientale, con elevata presenza industriale, c’è una aumentata incidenza di melanoma.

Il buco dell’ozono può contribuire a rendere più dannosi i raggi ultravioletti?

 

È vero, poiché la riduzione dello strato di ozono aumenta la quantità di raggi ultravioletti che raggiungono la terra.

Il tumore della pelle è una malattia dell’anziano?

 

È vero che alcuni tipi di tumore come gli epiteliomi sono più frequenti nell’anziano, ma il melanoma cutaneo, il più maligno dei tumori della pelle, può comparire anche nei giovani adulti e si deve prevenire con comportamenti corretti sin dall’infanzia.

Asportare un neo è pericoloso?

 

È falso. In presenza di una lesione sospetta è indispensabile e necessaria una corretta asportazione chirurgica.

Solari Nature’s

Il massimo dal sole, il meglio per la tua pelle

 

Abbronzatura intensa e luminosa, anche per le pelli più delicate.  Una linea completa, per ogni fototipo, per assicurare a tutta la famiglia una buona protezione contro gli effetti nocivi dei raggi UVA, UVB e IR.

A base di Acqua Unicellulare Bio-attiva* di Arancia Dolce, dalle proprietà idratanti e antiossidanti in grado di proteggere la pelle stressata da sole, vento e salsedine e di contrastare così il prematuro invecchiamento cellulare.

 

Nel sistema schermante, i filtri UVA, UVB e IR sono protetti in speciali microcapsule di origine vegetale (Ciclodestrine) che ne limitano il contatto diretto con la pelle, aiutando a contrastare i rischi di allergie e sensibilizzazioni e favorendo il rilascio graduale,  che assicura un’efficacia protettiva prolungata.

Principi attivi naturali

 

Acqua Unicellulare Bio-attiva di Arancia (da agricoltura biologica), Melanina vegetale, Latte di Albicocca, Acido ialuronico, Acceleratore dell’abbronzatura, Olio di Riso e Burro di Karité.

Ti aspettiamo a Roma in Viale sacco e Vanzetti 68, siamo aperti dal lunedì al sabato con orario continuato dalle 9 alle 20.